venerdì 22 aprile 2016

Cambiare la cinghia della macchina del Pane

Questo è un breve tutorial su come smontare la macchina del pane per poter cambiare la cinghia.
Dopo impasti su impasti la cinghia si consuma e può rompersi o essere talmente logora da sfilarsi dalle pulegge sulle quali gira.
Una cosa che mi ha colpito in modo negativo è come è stata assemblata la macchina del pane, nel mio caso si tratta di una Fornarina della Termozeta (che assomiglia molto a quella della Severin) ma ho letto che è un problema comune.
La cinghia è sul fondo della macchina ma anziché creare un fondo apribile hanno pensato di costruirla sul fondo stesso costringendoti a smontare tutto per arrivarci, credo sia stato fatto apposta per scoraggiarne la riparazione, ma a me piace recuperare le cose anziché buttarle.

Per prima cosa togliamo le 6 viti che stanno sul fondo, questa operazione si può fare anche dopo ma la faccio subito in modo da non dover più girare la macchina in seguito.


I fori sono tre per lato, uno al centro e due ai lati, e qui arriva il primo inghippo le viti dei fori centrali sono di tipo strano, necessitato di un cacciavite a due punte per essere estratte.


Per toglierla ho usato un cacciavite piatto piccolo agendo su metà vite si riesce a toglierla abbastanza facilmente, questo genere di viti sono create per evitare che tu possa riparare da solo la macchina, ovviamente le due viti saranno sostituite da viti normali della stessa misura.

Adesso giriamo la macchina e togliamo le tre viti che stanno in alto, dietro la zona display


Una volte rimosse tirando verso l'alto la parte con il display viene via


Resta collegata solo da un cavo che possiamo sganciare dalla scheda elettronica semplicemente premendo la linguetta che si trova di sopra.


Dopo aver tolto questa parte passiamo a smontare il cestello, per prima cosa togliamo questa vite che tiene ferma quella piastra con i sensori di temperatura che vediamo nella foto precedente in alto a destra.


Quindi togliamo questa seconda vite che tiene ferma la serpentina, questa operazione ci faciliterà nel passaggio successivo.


Per togliere il cestello è necessario svitare 8 viti che stanno sul fondo, sono 2 per lato, data la posizione scomoda consiglio di usare cacciaviti lunghi e con la lama della dimensione ideale oltre all'aggiunta di svitol, sono particolarmente dure da smuovere.


Tolte le 8 viti del fondo il cestello si può estrarre sollevandolo, non serve tirarlo fuori tutto basta che ne esca metà.


Nell'apertura lasciata dal pannello con i display vediamo queste due linguette, le sganciamo con il cacciavite tirando la parte bianca verso l'alto mentre le solleviamo con il cacciavite.


Se le abbiamo sganciate finalmente la macchina si apre, il guscio bianco viene via con tutto il cestello


Siamo quasi alla fine, la base della macchina contiene le pulegge e il motore, per arrivare alla cinghia non resta che staccarla, la base è attaccata al fondo tramite 6 viti, due sono accanto al motore.


Una la troviamo tra il motore e la serpentina


Una è in una posizione molto scomoda quasi sotto il trasformatore


Infine le ultime due


A questo punto possiamo alzare la base e finalmente accedere alla cinghia.


Come si vede nella foto la mia cinghia era da cambiare, era caduta ma provandola non restava su durante il funzionamento e come si vede nella foto è sfilacciata, in quel caso è meglio comprarne una nuova.
Quando la rimontate fate attenzione agli incastri della serpentina nel cestello prima di avvitarlo e controllate che la placca con i sensori sia allineata prima di rimettere la vite.

In conclusione devo dire che chi ha progettato questo genere di macchina non ha tenuto conto della manutenzione altrimenti avrebbe fatto un fondo apribile invece di obbligarti a smontare tutta la macchina, le viti che necessitano di un cacciavite speciale poi sono proprio una mossa da veri bastardi, tutto sommato con mezzora/un'ora di lavoro e 10 euro di spesa potete rimettere la macchina a nuovo.

29 commenti:

  1. Ciao, posso chiederti quali erano i sintomi? ho una moulinex, il motore fa rumore ma non gira... Che dici, smonto? Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, il sintomo era proprio quello, si sentiva il motore girare a vuoto ma non si muoveva la paletta nel cestello

      Elimina
    2. Ciao, puoi consigliarmi come fare a scegliere la cinghia giusto? Su Amazon ho visto diversi modelli e non ho idea di quale sia quella giusta per la mia macchina, una diunamai wd8419. Presumo si sia sbriciolata la cinghia perché il motore non gira più e ho trovato tutti pezzettini di gomma indurita sollevando la macchina, caduti attraverso le fessure del fondo.

      Elimina
  2. Ciao, vedo ora questo tuo post...oggi ho faticato a fare quello che tu hai spiegato così brillantemente!
    Ho comunque una domanda, dove hai comprato la cinghia di ricambio?
    Io abito in zona Milano
    Anche la mia cinghia è sfilacciata!
    Il sintomo che avevo io era invece che il motore si era bloccato, perchè la corda sfilacciata della cinghia si era 'arrotolata' sull'ingranaggio dalla parte del motore e bloccava la rotazione
    Grazie per questa tua spiegazione!

    RispondiElimina
  3. Grazie per la risposta.
    Ti ricordi per caso se la cinghia era questa?
    http://www.ebay.it/itm/111978858405?clk_rvr_id=1128138947637&rmvSB=true

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si esatto, è la stessa e il venditore è il medesimo

      Elimina
    2. Perfetto, grazie ancora, sei stato gentilissimo!

      Elimina
  4. Ciao, grazie alla tua guida perfetta, ho risolto subito in modo alternativo, cioè ho tagliato con il dremell il coperchio inferiore seguendo il "disegno" della cinghia. Ora è bello libero, ed in caso di altri interventi è pronto... ;) 5 minuti e risolto alla grande, grazie mille.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per il suggerimento, anche noi abbiamo fatto così, almeno la prossima volta che dovremo cambiarla non faticheremo!!!!

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
  5. Ciao e grazie Gilberto per il brillante articolo. Ho la medesima macchina col medesimo problema che affronterò appena avrò la nuova cinghia. Oltre a questo ho anche la resistenza che non scalda più. Non so il perché: mi piacerebbe un tuo parere per capire se conviene cambiare anche quella o se è meglio rinunciarci.
    Grazie, Paolo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, le resistenze è difficile che si rompano a meno che non ci sia un danno fisico vero e proprio, tipo resistenza spezzata.
      Per quello sarei più propenso a pensare possa esserci un filo/contatto interrotto oppure ci sia un problema con il termostato che indica "Caldo" quando invece non lo è per cui la resistenza non si accende.
      Per capire cosa non va è necessario testare i vari contatti con un tester oppure leggere i voltaggi a macchina accesa, operazione però abbastanza pericolosa.

      Elimina
  6. senti Gilberto, non ho ancora provato......ma lasciami dire che sei un grande: chiaro e giustamente critico verso tutto cio' che si ripara con difficolta'. Grazie. Ora cerco la cinghia e provo a fare da me con le tue indicazioni. Mi hanno chiesto 130 euro per ripararla.......

    RispondiElimina
  7. Grande! La macchina sembra identica alla mia che è una Kennedy del 1078.
    Sai consigliarmi dove trovare la cinghia?
    Grazie Renzo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho trovata su ebay, ti conviene misurarla con precisione e cercarne una lunga uguale.

      Elimina
  8. Ciao, volevo ringraziarti non tanto per la guida in sè, ma per il fatto che con le foto che hai postato sono riuscito a recuperare la mia macchina del pane!
    Ti spiego meglio, ho preso da un familiare a pochi euro una macchina del pane Keiros che, dopo soli 2 utilizzi, si è fermata per via della cinghia rotta: mi sono cervellato per giorni a cercare il ricambio, a destra e a manca, ma non sono proprio riuscito a trovarlo... poi finisco per leggere la tua guida, per caso, e noto che la meccanica/elettronica del tuo apparecchio è identica in tutto e per tutto a quella della mia! Mi precipito su ebay a prendere il ricambio e sto facendo di nuovo il pane :-)
    Ottimo lavoro e ancora grazie!

    RispondiElimina
  9. Ciao, ho seguito il tuo tutorial e cambiato la cinghia, che era sbriciolata e attorcigliata, ma la pala comunque non gira... cosa può essere?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I casi sono due, o il motore è bruciato, nel caso non dovresti sentire alcun rumore oppure c'e' ancora qualcosa che blocca il meccanismo, dovresti provare a rimuovere la cinghia e verificare se senza di essa pala e motore girano liberi.

      Elimina
    2. Grazie mille. Devo dire che non si sente alcun rumore. La pala gira, se la spingo a mano. Il motore non saprei come fare a verificare se gira.
      Mi dispiace buttarla perché alla fine cuoce e lievita comunque.
      Secondo te vale la pena cercare di cambiare anche il motore?

      Elimina
  10. Grazie per la ottima guida che permette di intervenire per qualsiasi guasto , la mia è una Kennex ma è uscita dalla stessa "fabbrica" della Termozeta e infatti corrispondeva tutto. La macchina è stata ferma per 4 anni e per comodità ho deciso di riusarla , ha fatto un pane perfetto ma al secondo utilizzo la spatola non girava più , sono riuscito a sbloccarla , ga giranpo poche volte e poi si è incastrata di nuovo , infatti ho trovato la cinghia compromessa e fuori posto , mi è arrivata 2 ore fa e adesso la macchina funziona perfettamente ( a vuoto senza cestello e farina) . Per le iniziali viti da cacciavite speciale io avevo l'inserto giusto da avvitatore ma qualsiasi supporto aveva un diametro superiore all'alloggiamento delle viti perciò avendo a disposizione diversi cacciaviti di quelli da auto con il manico in plastica ne ho sacrificato uno creando un taglio con il flessibile ma anche un seghetto a ferro va bene per trasformarlo in cacciavite a 2 punte. Questa guida è servita anche per un prezioso suggerimento , se ricapita taglio il fondo :-).

    RispondiElimina
  11. Gilberto,sei grande!sono riuscita a fare tutto da sola,anche con qualche vite stretta.spiegato benissimo. Grazie mille

    RispondiElimina
  12. Ciao Gilberto,sei grande!sono riuscita a fare tutto da sola anche con qualche vitina stretta un po' troppo.spiegato benissimo. Grazie mille

    RispondiElimina
  13. Gilberto, grazie veramente. Sei stato chiarissimo e hai reso tutto molto semplice.
    Sono riuscita a far rifunzionare la mia fornarina.

    RispondiElimina
  14. Ciao, avendo visto che hai dismestichezza volevo chiederti una cosa, ogni tanto mi esce fuori un allarme EEE che sembrerebbe riguardare i sensori di temperatura, lasciandola stare un po spenta poi si togli e da solo, tu mi sai dare indicazioni? Grazie

    RispondiElimina
  15. buongiono, io ho smontato una moulinex ow 1101 cinghia e puleggia motore completamente andate, ma la cinghia si trova abbastanza facilmente ma la puleggia motore proprio introvabile

    RispondiElimina
  16. Gentile,
    ho già commentato ringraziando per l'ottimo tutorial che mi ha permesso di smontare la Fornarina e verificare la distruzione della cinghia (non vedo comunque il commento, che non sia stato pubblicato?). Ne ho ordinata una nuova che mi è arrivata dopo qualche giorno. Ottimo servizio. E' stato facile mettere la nuova cinghia che tuttavia mi è sembrata "ben tirata" (elongazione premendo nel punto più flessibile una volta montata circa 8mm). Comunque tutto girava e con fiducia ho rimontato la macchina ed ho provato ad impastare (programma 8 del menù). E' andato tutto bene per una ventina di minuti e poi il motore si è bloccato con il classico ronzio a 50 Hz di un rotore bloccato. Grande calore uscente dalla parte del contenitore sovrastante il motore. Ho aspettato 12 ore e rismontato la macchina (ora è facile). Tutto gira regolarmente anche se un po' duro. La cinghia in condizioni perfette. Ho fatto il progrmma n.8 impasto a "cuore aperto" e verificato dopo 20 minuti il notevole riscaldamento del motore nel pacco lamellare fino giù al perno che tiene l'ingranaggio della cinghia. Non ho insistito aspettando il blocco ma sospetto che il riscaldamento derivi da unacoppia resistente troppo alta. La cinghia come pure l'albero che trascina la pala impastatrice sono freddi. Mi domando allora: forse devo lubrificare qualche parte? Grasso negli ingranaggi della cinghia? Cinghia troppo in tensione? Grazie per l'aiuto.
    Saluti Pietro (nel caso pietro.visibelli@gmail.com)

    RispondiElimina
  17. Un'aggiunta al precedete commento. Se tolgo la cinghia noto che gli alberi della pala e del motore girano liberamente senza alcuno sforzo. Quindi credo di poter affermare che la cinghia tira troppo perchè una volta rimontata gira sì, ma con sforzo ben diverso. Come ovviare all'inconveniente? Ho visto ci sono delle viti di registrazione sul bloccaggio del motore. Provo con quelle? Grazie.

    RispondiElimina