venerdì 29 giugno 2018

I vitalizi non sono un diritto (aka la rivolta dei parassiti)

I vitalizi non sono un diritto perché i diritti sono per tutti, se un diritto è riservato solo ad un certa categorie di persone si tratta di un privilegio.

Non è possibile ne accettabile, in paese civile, che una persona faccia 4 anni di lavoro, se poi si può chiamare lavoro dato che la maggior parte dei deputati passa il tempo a premere SI o NO a seconda di quello che il capo del partito gli ordina, e poi possa prendere una pensione mensile di importo esorbitante (solo Cicciolina prende 1.700€ per non fare un cavolo da mattina sera) rispetto ad un lavoratore che dopo aver lavorato 40 anni va in pensione con poco più della minima.

Questi non sono diritti ma privilegi di merda che generano iniquità verso i cittadini, tra chi ha avuto la fortuna di essere eletto come deputato (e rubato lo stipendio per anni, la cosiddetta indennità parlamentare è un furto vero e proprio) e chi invece ha lavorato per una vita dando il suo contributo alla società.

Come accade in questi casi ovviamente i parassiti dello stato che vedono in pericolo i soldi che hanno rubato fanno la voce grossa minacciando perfino il presidente Fico di chiedergli i danni, ovviamente questi ladri stanno ricorrendo alle minacce mafiose per mantenere i loro privilegi.

Perfino "il giornale", nota rivista sempre pronta a leccare il culo dei poteri forti si inventa panzane assurde per difendere i vitalizi arrivando perfino a pensare che siano le prove per un taglio delle pensioni come se i due trattamenti fossero correlati.
E non è il solo, tutti gli amici di questa gentaglia stanno sparando le più grosse stronzate attaccandosi ad ogni fesseria, da "il risparmio è solo di 50 cent a test" a "ma non era meglio tagliare gli stipendi", etc.
Speriamo che il taglio vada a buon fine, sia definitivo e questi privilegiati imparino a vivere come cittadini comuni, fosse per me avrei varato una legge che rende reato percepire un vitalizio e li avrei messi tutti in galera a meno che non vi rinunciassero spontaneamente.

I vitalizi non sono diritti acquisiti ma privilegi di merda!

1 commento:

  1. La minaccia in realtà è la verità.

    La verità è che le pensioni DI TUTTI sono pagate con la fiscalità ordinaria e sono calcolate, come data di inizio e come ammontare, in maniera del tutto arbitraria, ovvero che non ha nessuna relazione con le somme versate.

    Chi beneficia del vitalizio di Parlamentare ma è lo stesso per i rappresentanti del consiglio Regionale, per dire, utilizza un altro criterio che è ugualmente arbitrario e le risorse vengono comunque attinte dalla fiscalità ordinaria.

    Quindi il punto è, correttamente, che se non hanno senso i vitalizi dei Parlamentari, per le stesse ragioni non hanno senso le pensioni di tutti gli altri.

    Cambia solo il rapporto dare/avere, le quantità in gioco, non i criteri che sono gli stessi.

    RispondiElimina